.
Annunci online

letteratura
26 giugno 2010
pagine di poeti amici
 

 

                        pagina  dedicata ad amici poeti


                        LUCIANO SOMMA

                        SERPENTI

                        Michel sempre sporco
                        Michel senza casa
                        Michel senza lavoro
                        Michel senza nessuno
                        Michel deve morire
                        per circa un quarto d'ora
                        in una rue
                        della Paris lumiere
                        un gran falò
                        ha fatto luce
                        all'ombra dei serpenti
                        vigliaccamente
                        anonimi striscianti soddisfatti
                        per l'avenue
                        ora Michel
                        da cenere
                        è già vento.


                        SU BIANCA E' CADUTA LA NEVE

                        Bianca sa che il padrone non torna
                        ma lo aspetta ugualmente
                        l'ospedale è a due passi da lei
                        come il cibo
                        che non vuol mangiare
                        perché la memoria sua è ferma
                        alla mano callosa ma buona
                        che le carezzava la testa
                        ed ora che resta?
                        A che serve il Natale
                        (perché sa, lo ha capito
                        guardando
                        un albero pieno di luci
                        ch'è festa)
                        se il suo amico più caro non c'è
                        eppure lo cerca caparbia
                        nel viso di ogni passante
                        ma l'odore di chi amava tanto
                        è ormai troppo lontano
                        l'aria attorno si è fatta di gelo
                        le si appannano gli occhi
                        su Bianca è caduta la neve.


                        * * *

                        CARLO MOLINARO

                        Al ristorante economico
                        Dal bicchiere di plastica trasparente
                        illuminato da una lampadina
                        l'acqua del rubinetto fa riflessi
                        chiari sulla tovaglietta di carta
                        azzurra con pubblicità stampata.
                        Non c'è bisogno di cristalli di Boemia
                        né di candele profumate
                        né di tovaglie di pizzo o di liquori.
                        la meraviglia che sempre sogna è dentro
                        l'occhio-pensiero, l'anima che guarda.
                        Torino, 19 agosto 2000

                        *
                        PAUSA

                        Più prosegue la vita, più mi scopro
                        in balìa delle cose. Forse l'io
                        è davvero zavorra da lasciare:
                        non resterebbe, allora, che tacere
                        nell'attesa fiduciosa di ciò
                        da cui la mente fugge inorridita.
                        E' solo un'ipotesi come un'altra.
                        Ci sono tante cose che non so.

                        * * *

                        TERESIO ZANINETTI
                        (1947- 2007)

                        MI APRIRO' IN DUE

                        Mi aprirò in due
                        come guscio di ramarro alla frontiera
                        nel rigonfio del vento, parentesi graffiata
                        sul prepuzio dei miei sogni rapaci
                        che già morte pregustano indolore
                        Mi aprirò in due e sarò in un libro nudo
                        di bufera il precipizio
                        mentre cancella solchi d'abracadabra
                        la vecchia cornamusa avventuriera
                        Mi aprirò in due, brivido mai raggiunto
                        al culmine del coltello
                        nel centro del cranio
                        Io, come tutti come nessuno
                        alla foce del capitale
                        consegnerò la scorza della storia
                        Mi aprirò in due per non essere Uno
                        che ancora pensa Trino. Col coltello,
                        per mostrarti quanto sei lurido,
                        io mi aprirò in due

                        *
                      

                        A questo non m'abituo
                        (Leggevo il tuo profilo esangue nei libecci
                        arrancando tra gladioli e fiordalisi
                        dentro i covoni della morte in panne):
                        questa luce falsa gli occhi, tradisce
                        bisogni e pazienze, stronca
                        sul nascere bocci – a questa luce
                        dai lividi brulli non s'abitua
                        il liso ricordo del domani in croce.
                        (Leggevo le tue rughe nei cristalli tintinnanti
                        assaporando intrecci mozzati di mani giunte
                        nel girotondo degli scorticati vivi) –
                        Forse era Natale o Capodanno, viziate
                        di droga capitalista le famiglie serravano
                        pance e manette (panettoni, anitre all'arancia
                        figli & figlie parenti stretti al collo
                        da gustare al dente)
                        - forse era l' altr' anno o non ancora.
                        Sta di fatto che a quest'aria di morte non m'abituo
                        Mentre il boia sorride con piacere automatico
                        ancora la mia mano rifiuta dovute tenerezze.
                        Sto con le mie prigioni dentro il piombo
                        del mio corpo stretto. Sto.
                        Non so come né quando. Sto.
                        Con il cranio dell'odio di classe. Sto.
                        In un mattino disatteso e stanco
                        qualcuno esplorerà il relitto
                        delle ossute gimcane a piedi freddi.
                        A questa maturità che selvaggiamente delicata cresce
                        solo un grido – domando – di vendetta e di riscossa,
                        dolce e tremendo come il dolore
                        nel tuo profilo esangue, trasparente, vivo.
                       
---------------------


                        pagina 2 dedicata ad amici poeti

                        GIORDANO GENGHINI

                        I.
                        Distesa sul mio cuore, l'anima mia respira.
                        Sul volto della foglia risplende l'universo.
                        Rapita dentro il corpo, attraverso lo sguardo,
                        la luce immaginata crea ricami e colori.
                        Rivestito dal mondo, cinto dagli orizzonti,
                        l'alto soffio del sole fiorisce in cieli d'erbe.
                        Lo scoiattolo-nube gioca fra i verdi monti.

                        II.
                        Mille stelle in una bolla:
                        in un'ala di farfalla
                        vasti cieli di velluto.
                        Le galassie sono neve
                        e la luna è un fiocco lieve
                        nella tenue luce gialla.
                        Gemma d'anima rampolla
                        dentro il corpo che la culla.


                        *
                        FABIO GRECO

                        Notte si fa in me
                        più chiara
                        limpida del giorno.
                        A breve farà eco
                        un silenzio solo mio.
                                           Nella quiete emerga
                        una distanza che almeno
                                           d'illusione mi sazi.
                                           Preda è l'anima ferita
                                           più secca, nera di dolore.

                        *

                        Ogni volta
                        Ti ritrovavo
                        seduta su scale
                        di sale, il mare
                        fra morbide labbra
                        posava la linfa
                        ed esuli zattere
                        gemevano smarrite
                        nel silenzio
                        delle tue braccia.

                        *

                        MICHELE PIOVANO
                                                              a mia figlia

                        Diciamo tempo di marzo – e la luce
                        come niente sale agli steli
                        stretti sui fianchi.
                        Accettala,
                        quasi sussurro dalla soglia: è poco,
                        poco più di un gioco
                        amabile contro la guancia.
                        La pelle è viva e tu
                        senti il volto confuso delle cose,
                        l'enigma che si sbianca uguale al bianco
                        sulla magnolia. Un brivido
                        tace dopo il travaglio dei rami,
                        più stupore che evento. Ora è voce
                        di fiori oltre il cortile.
                                                                       
                      

 
                        pagina dedicata ad amici poeti


                        ANDREA CROSTELLI

                                       Ad Antonio Santinelli

                        L'onda, respiro del mare.
                        Soffiavano dalle nari i tuoi cavalli
                        un forte attaccamento alla terra,
                        un forte respiro di vento.
                        Voleva esser pieno il tuo passo
                        del giallo frumento verità,
                        dorato segreto dell'arte
                        a piccoli sorsi donato.
                        Appesa ai tuoi occhi e frapposta
                        l'atroce meridiana del tempo
                        fissava l'ora senza nome,
                        priva di sole e fughe d'ombra,
                        la somma di tutte le ombre.
                        Oggi guardo il pulviscolo dorato
                        nella fascia di luce: moscerini
                        in sospensione: catalessi del corpo
                        dell'arte, e penso a te, amico caro,
                        mentre passi ancora fra le nuvole
                        e sposti l'aria dei miei pensieri,
                        a te che mi gridasti aiuto senza voce…
                        riprendo a cavalcare in groppa
                        al tuo cavallo con la tua forza
                        in corpo, dopo che, per un attimo,
                        il tuo passo si fermò, il mare
                        ritrasse il suo respiro
                        e fu la secca.


                        * * *

                        FLAVIO BALLERINI (Pesaro, 1951 – 2006)

                        (Per Kostas Kariotakis)

                        Per compensare tutto questo sole
                        d'aprile leggerò un poeta triste
                        la cui luce diverrà meno tetra
                        più attutita la vacuità del giorno
                        Resterò con i versi come in chiesa
                        - anche se dinnanzi a un inquieto mare –
                        in attesa che lo spirito aleggi
                        e come in una sentita preghiera
                        un angelo delicato e deciso
                        aprirà il cuore alla più pura pietà
                        Questa è la carità che voglio offrire
                        alla spirale nera dell'anima

                        * * *

                        LUCA ROSSI

                        ATTESA

                        Foglie gialle
                        di un morto autunno
                        stavano a noi vicine,
                        nel punto in cui tenevo la tua mano
                        perché ti pensavo
                        troppo debole
                        per stringere il mondo
                        tra le dita.
                        Luce di luna che scompare
                        quando nuovamente fa mattino:
                        le stelle, l'infinito, il sogno…
                        Un dire oltre la notte
                        la nostra pena, un pensiero estinto.
                        Tra le mani
                        un filo d'erba
                        da porre intorno al cielo
                        con il quale un giorno
                        avresti ucciso
                        la lunga attesa
                        gridando verso il sole

                                                     12.11.02

                  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poeti amici

permalink | inviato da labsang il 26/6/2010 alle 11:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
letteratura
15 maggio 2010
Andrea Crostelli - Tagli di fontana, urla di Munch
 

ANDREA  CROSTELLI

 

 

TAGLI DI FONTANA, URLA DI MUNCH

 

 

Vivo di pazzia

e non è un vanto

un’ossessione

o un disonore

 

e come fili d’erba

la vedo crescere

e nutrire l’essere mio campo

e tagliare il cielo

 

con tante sottili lame di sofferenza

che sperano di aprire un varco

su cui poter passare

 

quaggiù

non posso far niente

per non essere calpestato

falciato diserbato

 

ma posso rispuntare

ogni volta

perché vivo anche di morti

 

vivo della pazzia

mia e degli altri

e mi nutro

dello sgomento dell’anima

 

… so che commuove il Creatore

la mia impotenza sulla terra

 

*

 

L’INVENZIONE FOSSILIZZATA

 

Un campo di nessuno,

una protezione. La pazzia è di chi

spaventato dalla realtà

si rifugia nell’assurdo dell’immaginoso.

E’ il limbo dei fragili,

di chi non sa violentare la vita.

La pazzia è un’arma a doppio taglio,

la usi per difenderti

ma poi è lei che ti ferisce,

ti esclude, ti taglia fuori,

ti allontana totalmente.

La pazzia è un’invenzione fossilizzata.

L’uomo può fare

ciò che non è in grado d’immaginare,

e in questo è uomo,

non nel porre delle misure/limite,

dei controlli psico/fisici

che sono sbarre d’ergastolo mentale.

Non è possibile assentarsi per molto.

Espandersi porterebbe all’ossessione.

Al pianeta non serve più

 l’adorazione dei pastori.

 

*

 

I matti mi hanno salvato

dal precipizio,

sempre pronti a soccorrermi

con eleganza,

come se la cosa più difficile

possa essere fatta con spensieratezza

 

l’allarmismo e la concitazione invece

così come una presa di posizione energica

inducono alla ribellione

allo spavento incontrollato

 

la leggerezza e la disinvoltura

toccano gli animi

e devi arrenderti

alla “saggezza involontaria”

che incanalandosi

negli antri della mente

imprime una volontà tendente

alle più ferree virtù

 

*

 

Come una madre

lontana dalle culle

non sento più i vagiti

delle mie creature

 

la stanza da letto

dove è possibile generare

piange per i figli

non concepiti

 

soprattutto di loro

si sente la mancanza

 

quando tornerò

si stamperà più forte

il loro rimprovero

sul mio viso

 

e riprendere la situazione in mano

sarà alquanto difficile

come una matita stemperata

di cui non riesci a fare la punta

 

mille volte ci provi

e mille volte si spezza

e il timore

che tutta si consumi

nel frattempo sale

 

affidi al coltello

o alla bontà della mina

la tua preghiera

sperando si apra in te

il varco del felice abbandono

 

l’abbandono alla cura

amorevole, all’ascolto

 

 

*

 

Pittore, poeta e critico d’arte, A. Costelli vive

anche l’esperienza di volontario con l’assistenza

a schizofrenici e oligofrenici.

Tale esperienza di vita qui la sublima in versi.

 

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia amici silloge

permalink | inviato da labsang il 15/5/2010 alle 16:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
letteratura
1 maggio 2010
amici poeti: Flavio Ballerini
 


POESIE DI FLAVIO BALLERINI
Pesaro – (1950 – 2006)

---

AD ANDREA CROSTELLI (sulla “balena bianca”)
Quelle navi per un attimo in aria
sospese nel fluido canale chiaro
d’altro tempo e mondo le vele bianche
sopra e attraverso la gioia il dolore
la passione piena di ogni colore
forte di fiaba di memoria e infanzia
Dove ti porta la balena bianca?
ma cosa gridano quei neri alati?
apre varchi colorati del sogno
e vedi che permane e viaggia
lungo un aperto altrove
tutto pieno di grazia nel colore
che danza e che ti…chiama
                                              
   Flavio

*

Da qualche onirico terrazzo bianco
stazione ottica dei sogni aperti,
ancora ritransitabili a notti
inoltrate su crocevia
ove solo il soprassalire muta,
quei bianchi terrazzi ov’ero lì e altrove
insieme, affacciato su altri sogni
immortale e in medesima luce
nel lieve stupire primaverile,
vissuti con la materia dei sogni
eppure ricordati come eterna
promossa felicità!
         Vissuti davvero quando ritorno
sorpreso improvvisamente in balìa
inafferrabile intemporale.
                      
30 marzo 2003

*

Grigio che confonde cielo e orizzonte
consuma la collina nel risucchio
del suo verde umido già digerito
dai moli di sera una rosa luce
lacrima oltre la campana velata
traspira sangue un cosmico delitto
per pochi minuti o un parto divino

*

Libero dentro il guscio e solitario.
Ho sentito tutti i miei cari morti,
mostratogli la fonte del disagio
come infelice fuori dall’intero –
fuori dopo la pioggia miagolava
come un grido di dolore nell’aria
mutata e dolce una gatta d’amore
lo strazio che non puoi non ascoltare
Non mi resta altro che essere presente
oggi dentro e dopo tutti i congedi
Sopra il ponte del Miralfiore l’aria
disse d’esser la vita del pianeta
oltre l’umano. Tutto muta e si può
uscire dalla propria forma un poco
e in quell’allora nell’oltre guardare
e accorgersi forse di un altro fare…
Umili e leggeri oltre il terribile               

                                               Flavio

*

Mai mi sono sentito così solo
Ed è una notte così bella nera
e luminosa di luna crescente
con tutto il cielo la stella più grande
si avvicina se la guardi alla terra,
l’aria è fresca e gli alberi della piazza
tremolano un’onda frusciante efferve
ovunque e il piacere di questi attimi
offre di starci insieme anche nel sonno.

*

Non si sa dove se ne sono andati.
Ed io non sono da allora più io.
Né confuso conosco quel che resta
nella scia di scomposti agglomerati
svaniti via, sol qualche monca memoria
qua e là nella geografia del vuoto
Appariva come una penisola
(ben ancorata a solida storia)
poi smisurabile fu il suo confine
ed arcipelago che s’allontana.
Per dubbie derive. Non sono più io.
Mi sembra un bel po’ che mi cerco.
Fu quando la corrente si raffreddò;
Ad est del golfo non c’era più sale
fiumi d’acque dolci scendendo dai poli
le primavere incerte svanivano
il ghiaccio avvicinava tutti i cuori
sorrisi si stampavano di pietra
sospesa come nel gatto di Alice.
Segni d’allarme, sogni suoni di chiurli
campane gufi inascoltati ed urli
furono disseminati nel tran tran
………………………………..                           
                                                   Flavio

*

(Per Kostas Kariotakis)

Per compensare tutto questo sole
d’aprile leggerò un poeta triste
la cui luce diverrà meno tetra
più attutita la vacuità del giorno
Resterò con i versi come in chiesa
- anche se dinnanzi a un inquieto mare –
in attesa che lo spirito aleggi
e come in una sentita preghiera
un angelo delicato e deciso
aprirà il cuore alla più pura pietà
Questa è la carità che voglio offrire
alla spirale nera dell’anima

[finalista al Premio “Paesepoesia”,
Belvedere Ostrense 2005]

*

Pure come invisibile radice
sorprende ai varchi un puro domandare
ove l’alieno allea forma che muta
oltre il noto che si infissa vorace
cibo a perpetuare la stessa fine
l’uguale fuggire il Logos vivace

(a Felice Serino su “L’ombra”) *
         11 luglio 05                                                  

Flavio Ballerini


*

Non ricordo se riflesso dal vetro
o se fu folgorazione dell’ombra
o se vidi me specchiato dall’alto
per un istante nel limpido fiume
ricordo però la curva del cranio
le linee assorbite di schiena e spalle
io vidi ciò che mai prima non vidi 
il profilo la posa in un unico
familiare ed estraneo interrogare
il mondo intero attorno
come la parte chiede al tutto cos’è
io vidi di mela formalo stampo,
vivo, fatto di antica attesa, forte,
come non fosse tutto quel che non è,
stampo dell’antico a sé, il doppio
il precedente
impronta emersa dall’ombra nell’ombra

*

Tutta la notte sogni ruotavano sulla poesia il poetare
Sono giunto là dove nasce il vento
alla curva del sogno
all’esterno pervade l’aperto
 - da sopra le curve degli alberi
nell’inoltrato rimbomba
in altro modo il tempo                           

       dicembre ‘01

*

Fra qualche grado del terrore
di sapersi mortali
e la meraviglia di essere vita.
Amare come vincere la morte
silenti in viaggio dentro lo stupore
- ehi! ce l’ho fatta! non sono caduto! -
verso il sorridere il respiro
entro l’inquieta memoria dei mali
Nell’assenza dove l’io scompare
come protezione si custodisce
la luce viva del sognare…
                                                                 
         26 ottobre ’05
 
        Flavio

*

Poesia

per viaggiare nella parte destra
gettando ponti dall’inconscio
a centottanta gradi l’arco
teso a raggiungere la sfera
                                                       
   17-11-05

                                      Flavio

 

***

 
NON IMMAGINO VOCAZIONE PIU' BELLA

Non immagino vocazione più bella, talento o dote più preziosa e importante di
quella che riesce a prendersi cura degli altri in modo spontaneo e naturale, una
grazia e una direzione come conduzione migliore di vivere, come appartenenza
alla salute e alla sua promozione; un darsi, un dare il meglio di sé è giungere
al miglior dono di sé che non può che espandersi, come l'amore, come un'arte.
C'è qualcosa di più grande nell'arte, di più potente nell'amore? E ciò può
confinarsi per una sola persona? può bastare una direzione di ciò nella coppia,
che sappia, almeno, intravedere non dico la felicità ma la pienezza di un vivere
una vita che – non importa se segnata da una destinazione nella insopportabile
stazione finale del nulla eterno (un'idea che mi è tuttora insopportabile,
concepibile solo quando l'idea si associa alla paura) oppure se creduta per
qualche fede o per esperienza mistica solo una provvisoria storia che approderà
in altri regni o all'immortalità – è una vita (vera), trova continuamente fonte
e orizzonte?
Prendersi cura di sé come di tutto ciò di cui questo sé è, tutte le relazioni di
cui è fatto, questo può avvenire solo contemporaneamente; cioè è possibile
giungere alla fonte del sé e all'essenza dell'essere se riconosciamo e viviamo
consapevolmente gli intrecci vitali di cui il proprio sé è costituito e vestito,
viva luce a tutte le relazioni che ci compongono e l'umile e, se possibile,
amorevole sguardo al limite, all'ombra, al male, che ci conduca a compiere un
gesto, trovare ciò che può accogliere (forse tutto), un cuore dove la meraviglia
prevale?
La vita se non è un miracolo muore.


SALUTARE E SALVARE

Un giorno si disse: "Basta,
le mie ferite sono guarite!"
e non fece altro che vedere
e ricominciava a vivere
e guariva davvero
e qualche male liberava
vivendo

FLAVIO BALLERINI
Pesaro – (1950 – 2006)


[da: “Emozioni maldestre”, 2007]


***

Ricordando Flavio

Se io posso dirti  son io ascoltami
sono innamorato del tuo ascolto
e della tua vera voce
E tu mi dici che la tua vera voce
non è quella vera ma una fra le tante
Io so che rideremo insieme
e la risata risalirà i sensi
come il suono di una cascata
su per le valli dell’Acquacheta
                            anche gli abissi
                                        rideranno


Flavio Ballerini

*

Bibliotecario, filosofo, libraio nel campo delle teorie e terapie olistiche,
poeta, scomparso improvvisamente il 3 dicembre 2006
pubblica nel 2001 "Versi licantropi" che raccoglie poesie e prose e che diventa,
in collaborazione col musicista Michele Donati uno spettacolo teatrale e un CD.

Così lo presenta il poeta-pittore Andrea Crostelli

"... a Flavio la filosofia non bastava e si lasciava sorprendere dalla poesia....
che la poesia lo cogliesse di sorpresa era una delle sue aspettative maggiori,
un desiderio che alimentava i suoi sogni..
la sorpresa scaturisce a volte dalla magia di un imput che giunge dall'assonanza
di alcune parole..o dall'allitterazione,... o da parole che ritornano con
significati diversi o che, nominate, sono ripetute spezzate....
La sorpresa fioriva incessantemente dal suo innato stupirsi, con l'entusiasmo di
un bambino....lo spirito del poeta è tenere alla poesia le porte aperte sempre,
tenere alto lo sguardo, drizzare le antenne e rimanere in quello stato di
leggera insofferenza che sta nelle tensione continua dell'ascolto...
La poesia è stata per Flavio la Madre-guida del suo esistere....così gelosa da
volerselo tutto per sè"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesie amici

permalink | inviato da labsang il 1/5/2010 alle 11:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
20 febbraio 2010
amici poeti (2)
 

 


                        pagina 2 dedicata ad amici poeti

                        GIORDANO GENGHINI

                        I.
                        Distesa sul mio cuore, l'anima mia respira.
                        Sul volto della foglia risplende l'universo.
                        Rapita dentro il corpo, attraverso lo sguardo,
                        la luce immaginata crea ricami e colori.
                        Rivestito dal mondo, cinto dagli orizzonti,
                        l'alto soffio del sole fiorisce in cieli d'erbe.
                        Lo scoiattolo-nube gioca fra i verdi monti.

                        II.
                        Mille stelle in una bolla:
                        in un'ala di farfalla
                        vasti cieli di velluto.
                        Le galassie sono neve
                        e la luna è un fiocco lieve
                        nella tenue luce gialla.
                        Gemma d'anima rampolla
                        dentro il corpo che la culla.


                        *
                        FABIO GRECO

                        Notte si fa in me
                        più chiara
                        limpida del giorno.
                        A breve farà eco
                        un silenzio solo mio.
                                           Nella quiete emerga
                        una distanza che almeno
                                           d'illusione mi sazi.
                                           Preda è l'anima ferita
                                           più secca, nera di dolore.

                        *

                        Ogni volta
                        Ti ritrovavo
                        seduta su scale
                        di sale, il mare
                        fra morbide labbra
                        posava la linfa
                        ed esuli zattere
                        gemevano smarrite
                        nel silenzio
                        delle tue braccia.

                        *

                        MICHELE PIOVANO
                                                              a mia figlia

                        Diciamo tempo di marzo – e la luce
                        come niente sale agli steli
                        stretti sui fianchi.
                        Accettala,
                        quasi sussurro dalla soglia: è poco,
                        poco più di un gioco
                        amabile contro la guancia.
                        La pelle è viva e tu
                        senti il volto confuso delle cose,
                        l'enigma che si sbianca uguale al bianco
                        sulla magnolia. Un brivido
                        tace dopo il travaglio dei rami,
                        più stupore che evento. Ora è voce
                        di fiori oltre il cortile.
                                                                       
                      

 
                        pagina dedicata ad amici poeti


                        ANDREA CROSTELLI

                                       Ad Antonio Santinelli

                        L'onda, respiro del mare.
                        Soffiavano dalle nari i tuoi cavalli
                        un forte attaccamento alla terra,
                        un forte respiro di vento.
                        Voleva esser pieno il tuo passo
                        del giallo frumento verità,
                        dorato segreto dell'arte
                        a piccoli sorsi donato.
                        Appesa ai tuoi occhi e frapposta
                        l'atroce meridiana del tempo
                        fissava l'ora senza nome,
                        priva di sole e fughe d'ombra,
                        la somma di tutte le ombre.
                        Oggi guardo il pulviscolo dorato
                        nella fascia di luce: moscerini
                        in sospensione: catalessi del corpo
                        dell'arte, e penso a te, amico caro,
                        mentre passi ancora fra le nuvole
                        e sposti l'aria dei miei pensieri,
                        a te che mi gridasti aiuto senza voce…
                        riprendo a cavalcare in groppa
                        al tuo cavallo con la tua forza
                        in corpo, dopo che, per un attimo,
                        il tuo passo si fermò, il mare
                        ritrasse il suo respiro
                        e fu la secca.


                        * * *

                        FLAVIO BALLERINI (Pesaro, 1951 – 2006)

                        (Per Kostas Kariotakis)

                        Per compensare tutto questo sole
                        d'aprile leggerò un poeta triste
                        la cui luce diverrà meno tetra
                        più attutita la vacuità del giorno
                        Resterò con i versi come in chiesa
                        - anche se dinnanzi a un inquieto mare –
                        in attesa che lo spirito aleggi
                        e come in una sentita preghiera
                        un angelo delicato e deciso
                        aprirà il cuore alla più pura pietà
                        Questa è la carità che voglio offrire
                        alla spirale nera dell'anima

                        * * *

                        LUCA ROSSI

                        ATTESA

                        Foglie gialle
                        di un morto autunno
                        stavano a noi vicine,
                        nel punto in cui tenevo la tua mano
                        perché ti pensavo
                        troppo debole
                        per stringere il mondo
                        tra le dita.
                        Luce di luna che scompare
                        quando nuovamente fa mattino:
                        le stelle, l'infinito, il sogno…
                        Un dire oltre la notte
                        la nostra pena, un pensiero estinto.
                        Tra le mani
                        un filo d'erba
                        da porre intorno al cielo
                        con il quale un giorno
                        avresti ucciso
                        la lunga attesa
                        gridando verso il sole

                                                     12.11.02

                  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. amici poesia

permalink | inviato da labsang il 20/2/2010 alle 15:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE