.
Annunci online

letteratura
26 giugno 2010
pagine di poeti amici
 

 

                        pagina  dedicata ad amici poeti


                        LUCIANO SOMMA

                        SERPENTI

                        Michel sempre sporco
                        Michel senza casa
                        Michel senza lavoro
                        Michel senza nessuno
                        Michel deve morire
                        per circa un quarto d'ora
                        in una rue
                        della Paris lumiere
                        un gran falò
                        ha fatto luce
                        all'ombra dei serpenti
                        vigliaccamente
                        anonimi striscianti soddisfatti
                        per l'avenue
                        ora Michel
                        da cenere
                        è già vento.


                        SU BIANCA E' CADUTA LA NEVE

                        Bianca sa che il padrone non torna
                        ma lo aspetta ugualmente
                        l'ospedale è a due passi da lei
                        come il cibo
                        che non vuol mangiare
                        perché la memoria sua è ferma
                        alla mano callosa ma buona
                        che le carezzava la testa
                        ed ora che resta?
                        A che serve il Natale
                        (perché sa, lo ha capito
                        guardando
                        un albero pieno di luci
                        ch'è festa)
                        se il suo amico più caro non c'è
                        eppure lo cerca caparbia
                        nel viso di ogni passante
                        ma l'odore di chi amava tanto
                        è ormai troppo lontano
                        l'aria attorno si è fatta di gelo
                        le si appannano gli occhi
                        su Bianca è caduta la neve.


                        * * *

                        CARLO MOLINARO

                        Al ristorante economico
                        Dal bicchiere di plastica trasparente
                        illuminato da una lampadina
                        l'acqua del rubinetto fa riflessi
                        chiari sulla tovaglietta di carta
                        azzurra con pubblicità stampata.
                        Non c'è bisogno di cristalli di Boemia
                        né di candele profumate
                        né di tovaglie di pizzo o di liquori.
                        la meraviglia che sempre sogna è dentro
                        l'occhio-pensiero, l'anima che guarda.
                        Torino, 19 agosto 2000

                        *
                        PAUSA

                        Più prosegue la vita, più mi scopro
                        in balìa delle cose. Forse l'io
                        è davvero zavorra da lasciare:
                        non resterebbe, allora, che tacere
                        nell'attesa fiduciosa di ciò
                        da cui la mente fugge inorridita.
                        E' solo un'ipotesi come un'altra.
                        Ci sono tante cose che non so.

                        * * *

                        TERESIO ZANINETTI
                        (1947- 2007)

                        MI APRIRO' IN DUE

                        Mi aprirò in due
                        come guscio di ramarro alla frontiera
                        nel rigonfio del vento, parentesi graffiata
                        sul prepuzio dei miei sogni rapaci
                        che già morte pregustano indolore
                        Mi aprirò in due e sarò in un libro nudo
                        di bufera il precipizio
                        mentre cancella solchi d'abracadabra
                        la vecchia cornamusa avventuriera
                        Mi aprirò in due, brivido mai raggiunto
                        al culmine del coltello
                        nel centro del cranio
                        Io, come tutti come nessuno
                        alla foce del capitale
                        consegnerò la scorza della storia
                        Mi aprirò in due per non essere Uno
                        che ancora pensa Trino. Col coltello,
                        per mostrarti quanto sei lurido,
                        io mi aprirò in due

                        *
                      

                        A questo non m'abituo
                        (Leggevo il tuo profilo esangue nei libecci
                        arrancando tra gladioli e fiordalisi
                        dentro i covoni della morte in panne):
                        questa luce falsa gli occhi, tradisce
                        bisogni e pazienze, stronca
                        sul nascere bocci – a questa luce
                        dai lividi brulli non s'abitua
                        il liso ricordo del domani in croce.
                        (Leggevo le tue rughe nei cristalli tintinnanti
                        assaporando intrecci mozzati di mani giunte
                        nel girotondo degli scorticati vivi) –
                        Forse era Natale o Capodanno, viziate
                        di droga capitalista le famiglie serravano
                        pance e manette (panettoni, anitre all'arancia
                        figli & figlie parenti stretti al collo
                        da gustare al dente)
                        - forse era l' altr' anno o non ancora.
                        Sta di fatto che a quest'aria di morte non m'abituo
                        Mentre il boia sorride con piacere automatico
                        ancora la mia mano rifiuta dovute tenerezze.
                        Sto con le mie prigioni dentro il piombo
                        del mio corpo stretto. Sto.
                        Non so come né quando. Sto.
                        Con il cranio dell'odio di classe. Sto.
                        In un mattino disatteso e stanco
                        qualcuno esplorerà il relitto
                        delle ossute gimcane a piedi freddi.
                        A questa maturità che selvaggiamente delicata cresce
                        solo un grido – domando – di vendetta e di riscossa,
                        dolce e tremendo come il dolore
                        nel tuo profilo esangue, trasparente, vivo.
                       
---------------------


                        pagina 2 dedicata ad amici poeti

                        GIORDANO GENGHINI

                        I.
                        Distesa sul mio cuore, l'anima mia respira.
                        Sul volto della foglia risplende l'universo.
                        Rapita dentro il corpo, attraverso lo sguardo,
                        la luce immaginata crea ricami e colori.
                        Rivestito dal mondo, cinto dagli orizzonti,
                        l'alto soffio del sole fiorisce in cieli d'erbe.
                        Lo scoiattolo-nube gioca fra i verdi monti.

                        II.
                        Mille stelle in una bolla:
                        in un'ala di farfalla
                        vasti cieli di velluto.
                        Le galassie sono neve
                        e la luna è un fiocco lieve
                        nella tenue luce gialla.
                        Gemma d'anima rampolla
                        dentro il corpo che la culla.


                        *
                        FABIO GRECO

                        Notte si fa in me
                        più chiara
                        limpida del giorno.
                        A breve farà eco
                        un silenzio solo mio.
                                           Nella quiete emerga
                        una distanza che almeno
                                           d'illusione mi sazi.
                                           Preda è l'anima ferita
                                           più secca, nera di dolore.

                        *

                        Ogni volta
                        Ti ritrovavo
                        seduta su scale
                        di sale, il mare
                        fra morbide labbra
                        posava la linfa
                        ed esuli zattere
                        gemevano smarrite
                        nel silenzio
                        delle tue braccia.

                        *

                        MICHELE PIOVANO
                                                              a mia figlia

                        Diciamo tempo di marzo – e la luce
                        come niente sale agli steli
                        stretti sui fianchi.
                        Accettala,
                        quasi sussurro dalla soglia: è poco,
                        poco più di un gioco
                        amabile contro la guancia.
                        La pelle è viva e tu
                        senti il volto confuso delle cose,
                        l'enigma che si sbianca uguale al bianco
                        sulla magnolia. Un brivido
                        tace dopo il travaglio dei rami,
                        più stupore che evento. Ora è voce
                        di fiori oltre il cortile.
                                                                       
                      

 
                        pagina dedicata ad amici poeti


                        ANDREA CROSTELLI

                                       Ad Antonio Santinelli

                        L'onda, respiro del mare.
                        Soffiavano dalle nari i tuoi cavalli
                        un forte attaccamento alla terra,
                        un forte respiro di vento.
                        Voleva esser pieno il tuo passo
                        del giallo frumento verità,
                        dorato segreto dell'arte
                        a piccoli sorsi donato.
                        Appesa ai tuoi occhi e frapposta
                        l'atroce meridiana del tempo
                        fissava l'ora senza nome,
                        priva di sole e fughe d'ombra,
                        la somma di tutte le ombre.
                        Oggi guardo il pulviscolo dorato
                        nella fascia di luce: moscerini
                        in sospensione: catalessi del corpo
                        dell'arte, e penso a te, amico caro,
                        mentre passi ancora fra le nuvole
                        e sposti l'aria dei miei pensieri,
                        a te che mi gridasti aiuto senza voce…
                        riprendo a cavalcare in groppa
                        al tuo cavallo con la tua forza
                        in corpo, dopo che, per un attimo,
                        il tuo passo si fermò, il mare
                        ritrasse il suo respiro
                        e fu la secca.


                        * * *

                        FLAVIO BALLERINI (Pesaro, 1951 – 2006)

                        (Per Kostas Kariotakis)

                        Per compensare tutto questo sole
                        d'aprile leggerò un poeta triste
                        la cui luce diverrà meno tetra
                        più attutita la vacuità del giorno
                        Resterò con i versi come in chiesa
                        - anche se dinnanzi a un inquieto mare –
                        in attesa che lo spirito aleggi
                        e come in una sentita preghiera
                        un angelo delicato e deciso
                        aprirà il cuore alla più pura pietà
                        Questa è la carità che voglio offrire
                        alla spirale nera dell'anima

                        * * *

                        LUCA ROSSI

                        ATTESA

                        Foglie gialle
                        di un morto autunno
                        stavano a noi vicine,
                        nel punto in cui tenevo la tua mano
                        perché ti pensavo
                        troppo debole
                        per stringere il mondo
                        tra le dita.
                        Luce di luna che scompare
                        quando nuovamente fa mattino:
                        le stelle, l'infinito, il sogno…
                        Un dire oltre la notte
                        la nostra pena, un pensiero estinto.
                        Tra le mani
                        un filo d'erba
                        da porre intorno al cielo
                        con il quale un giorno
                        avresti ucciso
                        la lunga attesa
                        gridando verso il sole

                                                     12.11.02

                  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poeti amici

permalink | inviato da labsang il 26/6/2010 alle 11:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
letteratura
6 febbraio 2010
amici poeti
 


                        pagina  dedicata ad amici poeti


                        LUCIANO SOMMA

                        SERPENTI

                        Michel sempre sporco
                        Michel senza casa
                        Michel senza lavoro
                        Michel senza nessuno
                        Michel deve morire
                        per circa un quarto d'ora
                        in una rue
                        della Paris lumiere
                        un gran falò
                        ha fatto luce
                        all'ombra dei serpenti
                        vigliaccamente
                        anonimi striscianti soddisfatti
                        per l'avenue
                        ora Michel
                        da cenere
                        è già vento.


                        SU BIANCA E' CADUTA LA NEVE

                        Bianca sa che il padrone non torna
                        ma lo aspetta ugualmente
                        l'ospedale è a due passi da lei
                        come il cibo
                        che non vuol mangiare
                        perché la memoria sua è ferma
                        alla mano callosa ma buona
                        che le carezzava la testa
                        ed ora che resta?
                        A che serve il Natale
                        (perché sa, lo ha capito
                        guardando
                        un albero pieno di luci
                        ch'è festa)
                        se il suo amico più caro non c'è
                        eppure lo cerca caparbia
                        nel viso di ogni passante
                        ma l'odore di chi amava tanto
                        è ormai troppo lontano
                        l'aria attorno si è fatta di gelo
                        le si appannano gli occhi
                        su Bianca è caduta la neve.


                        * * *

                        CARLO MOLINARO

                        Al ristorante economico
                        Dal bicchiere di plastica trasparente
                        illuminato da una lampadina
                        l'acqua del rubinetto fa riflessi
                        chiari sulla tovaglietta di carta
                        azzurra con pubblicità stampata.
                        Non c'è bisogno di cristalli di Boemia
                        né di candele profumate
                        né di tovaglie di pizzo o di liquori.
                        la meraviglia che sempre sogna è dentro
                        l'occhio-pensiero, l'anima che guarda.
                        Torino, 19 agosto 2000

                        *
                        PAUSA

                        Più prosegue la vita, più mi scopro
                        in balìa delle cose. Forse l'io
                        è davvero zavorra da lasciare:
                        non resterebbe, allora, che tacere
                        nell'attesa fiduciosa di ciò
                        da cui la mente fugge inorridita.
                        E' solo un'ipotesi come un'altra.
                        Ci sono tante cose che non so.

                        * * *

                        TERESIO ZANINETTI
                        (1947- 2007)

                        MI APRIRO' IN DUE

                        Mi aprirò in due
                        come guscio di ramarro alla frontiera
                        nel rigonfio del vento, parentesi graffiata
                        sul prepuzio dei miei sogni rapaci
                        che già morte pregustano indolore
                        Mi aprirò in due e sarò in un libro nudo
                        di bufera il precipizio
                        mentre cancella solchi d'abracadabra
                        la vecchia cornamusa avventuriera
                        Mi aprirò in due, brivido mai raggiunto
                        al culmine del coltello
                        nel centro del cranio
                        Io, come tutti come nessuno
                        alla foce del capitale
                        consegnerò la scorza della storia
                        Mi aprirò in due per non essere Uno
                        che ancora pensa Trino. Col coltello,
                        per mostrarti quanto sei lurido,
                        io mi aprirò in due

                        *
                      

                        A questo non m'abituo
                        (Leggevo il tuo profilo esangue nei libecci
                        arrancando tra gladioli e fiordalisi
                        dentro i covoni della morte in panne):
                        questa luce falsa gli occhi, tradisce
                        bisogni e pazienze, stronca
                        sul nascere bocci – a questa luce
                        dai lividi brulli non s'abitua
                        il liso ricordo del domani in croce.
                        (Leggevo le tue rughe nei cristalli tintinnanti
                        assaporando intrecci mozzati di mani giunte
                        nel girotondo degli scorticati vivi) –
                        Forse era Natale o Capodanno, viziate
                        di droga capitalista le famiglie serravano
                        pance e manette (panettoni, anitre all'arancia
                        figli & figlie parenti stretti al collo
                        da gustare al dente)
                        - forse era l' altr' anno o non ancora.
                        Sta di fatto che a quest'aria di morte non m'abituo
                        Mentre il boia sorride con piacere automatico
                        ancora la mia mano rifiuta dovute tenerezze.
                        Sto con le mie prigioni dentro il piombo
                        del mio corpo stretto. Sto.
                        Non so come né quando. Sto.
                        Con il cranio dell'odio di classe. Sto.
                        In un mattino disatteso e stanco
                        qualcuno esplorerà il relitto
                        delle ossute gimcane a piedi freddi.
                        A questa maturità che selvaggiamente delicata cresce
                        solo un grido – domando – di vendetta e di riscossa,
                        dolce e tremendo come il dolore
                        nel tuo profilo esangue, trasparente, vivo.
                       


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poeti

permalink | inviato da labsang il 6/2/2010 alle 16:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE